Come fare un giardino ecologico a casa

1 mese ago

Fare un giardino ecologico richiede un approccio molto diverso rispetto a fare un giardino convenzionale. L'approccio ecologico è l'unica, ma essenziale differenza, che alla fine si traduce in aspetti come la distribuzione dello spazio, l'uso di materiale riciclato, l'irrigazione con acqua piovana, l'uso di semi biologici o, ad esempio, la promozione della biodiversità indigena. Ma da dove cominciare? Una volta scelte le piante, siano esse semi biologici, talee prelevate dalla natura o piante con certificato bio, pianificheremo lo spazio in modo intelligente, cercando di coniugare le loro esigenze con un uso efficiente dell'irrigazione e, se vogliamo, anche con l'effetto ornamentale. Continua a leggere questo articolo di Ecologia verde se vuoi sapere come realizzare un giardino ecologico a casa.

Indice
  1. Cos'è un giardino ecologico e le sue caratteristiche
  2. Semina e concimazione
    1. Scegliere i semi per il nostro orto
    2. Tipo di terreno
  3. Irrigazione e parassiti
  4. Attrarre la biodiversità
  5. Idee di giardini ecologici
    1. Orto biologico
    2. Giardini ecologici per specie selvatiche
  6. Vantaggi dei giardini ecologici

Cos'è un giardino ecologico e le sue caratteristiche

Prima di iniziare un progetto di giardino ecologico, dobbiamo conoscerne la definizione e le caratteristiche. Cosa sono i giardini ecologici? Questo tipo di giardini si caratterizza per lasciare che la natura stessa regoli lo spazio circostante. In altre parole, non sono necessari fertilizzanti chimici o pesticidi, ad esempio. Il risultato finale dei giardini ecologici è una riduzione dei danni alla natura, poiché non vengono utilizzati strumenti artificiali che possono essere dannosi. Alcune delle caratteristiche dei giardini ecologici sono le seguenti: Inclusione di specie autoctone.

. Varietà di specie.

Assenza di erba.

. Piante giovani.

Raggruppamento di piante in base alla specie e all'irrigazione. Ora che sai cos'è un giardino ecologico e le sue caratteristiche, vediamo come realizzare un giardino ecologico a casa passo dopo passo.

Semina e concimazione

L'idea è quella di far raggruppare le piante che necessitano di poca irrigazione, che all'inizio sarebbero le più consigliate, nelle zone soleggiate, e di lasciare gli spazi più ombreggiati per quelle che necessitano di un'irrigazione più intensiva. In questo modo eviteremo di sprecare acqua e aiuteremo le piante che hanno più bisogno di acqua a sopravvivere all'estate. Inoltre, è importante scartare le piante stagionali per non doverle continuare a cambiare e, se possibile, sceglieremo le specie autoctone o, meglio ancora, che sono anche in pericolo di estinzione.

Scegliere i semi per il nostro orto

Scegliere i semi bio, invece, garantisce che non abbiano subito modificazioni genetiche o alterazioni dovute a fertilizzanti, pesticidi o altri trattamenti artificiali. Ogni pianta ha un tempo di semina consigliato, ma in generale tieni presente che risparmieremo più acqua facendolo in autunno, perché poi avranno il tempo di crescere fino alla primavera e all'estate successive, quindi non dovremo annaffiare così tanto per farli crescere.

Tipo di terreno

Il tipo di terreno influenza anche una maggiore o minore frequenza di irrigazione, nonché le esigenze di fertilizzanti. È fondamentale conoscere le caratteristiche del terreno per scoprire se ha un buon drenaggio e che tipo di compost dobbiamo creare in casa per compensare le carenze di materia organica. In caso di acquisto del terreno, scegliamo quello ecologico. Alcuni hanno humus di lombrico e drenano l'acqua idealmente, e le pentole sono meglio fatte di argilla naturale o, perché no, ricicliamo vecchi mobili o oggetti o pallet per creare vasi o fioriere originali.

Irrigazione e parassiti

Il sistema di irrigazione a goccia è adatto per terreni sabbiosi e, al contrario, se è argilloso, l'irrigazione sarà frequente e in piccola quantità. Inoltre, la raccolta di acqua piovana in fusti specifici sarà una soluzione molto interessante per la salute delle piante e per risparmiare acqua. Combattere i parassiti senza usare sostanze chimiche può sembrare una cosa impossibile. Tuttavia, ci sono alternative verdi che li combattono in modo ingegnoso. Anche se ci sono prodotti ecologici sul mercato, i trucchi fatti in casa danno un buon risultato. Schiacciare gusci d'uovo o cenere e cospargerli per terra, fare pesticidi naturali mescolando aceto, cipolla, aglio in proporzioni diverse o coprire alcune piante in modo circostanziale con un panno sottile (tipo a griglia, come quelli usati per proteggere i frutti), sono alcuni trucchi che funzionano. Se la situazione va fuori controllo, cercheremo prodotti biologici sicuri se applicati su piante commestibili. D'altra parte, come prevenzione, è anche efficace la scelta strategica di alcuni tipi di piante che spaventano l'uno o l'altro tipo di insetti.

Attrarre la biodiversità

Esatto, combattere i parassiti creando un certo ecosistema, da un lato ci permetterà di sfruttare la funzione predatoria degli insetti che vengono e quindi raggiungere un equilibrio generale, mentre dall'altro attireremo la fauna selvatica. Proprio come promuoviamo le piante autoctone, il tuo è attirare la fauna selvatica nel nostro giardino: scoiattoli, insetti impollinatori, coleotteri, piccoli rettili, anfibi, libellule, uccelli, ecc. Le grandi pietre ammucchiate, gli stagni naturali sono nascondigli che anfibi e piccoli animali apprezzeranno. E, naturalmente, se vogliamo aiutare i nostri amici le api, troveranno fiori senza pesticidi nel nostro giardino dove possono crescere felicemente. In generale, possono essere attratti da qualsiasi fiore, proprio come le farfalle, ma possiamo anche sceglierne alcuni che gli piacciono particolarmente. Se vuoi avere maggiori dettagli su cosa sia la biodiversità, non esitare a consultare il seguente post di EcologíaVerde.

Idee di giardini ecologici

Abbiamo visto i passaggi per creare un progetto di giardino ecologico, ma forse vuoi idee più specifiche per realizzarlo. Qui ci sono un paio di idee giardino eco-friendly che possono ispirare.

Orto biologico

Se il giardino è spazioso, un'idea alternativa molto popolare e con grandi benefici è la piantagione di un frutteto. Una coltura ecologica che migliorerà il giardino nel suo complesso e la nostra qualità di vita. Per questo compito è possibile utilizzare: Una base quadrata

Una grande fioriera

Delimitare uno spazio con pali di legno o bottiglie di vetro con la base rivolta verso up.It è importante posizionare l'orto lontano da alberi che portano via l'acqua ed evitare muri che possono eludere i raggi del sole. Quando lo distribuiremo dovremo prendere in considerazione l'esposizione al sole: Nella parte più soleggiata : pomodori, peperoni e frutta.

: pomodori, peperoni e frutta. Nella parte più scura: verdure come lattuga, spinaci, broccoli o fagioli. Ogni tipo di pianta richiede il proprio livello dell'acqua, l'esposizione al sole e la cura di sé. Per liberare le verdure dai parassiti, è possibile coltivare anche le piante aromatiche sopra menzionate. Va tenuto presente che, durante l'inverno, avremo bisogno di un'adeguata protezione dal vento o dalle basse temperature. Il terreno deve essere accuratamente rimosso prima di piantare e arricchito con compost fatto in casa in modo che i prodotti biologici diventino più naturali e gustosi. A lungo termine, è stato dimostrato che l'orto urbano ecologico è un risparmio e la qualità di frutta e verdura è solitamente eccezionale.

Giardini ecologici per specie selvatiche

Altre proposte da considerare per il tuo giardino ecologico sono: promuovere la fauna selvatica di uccelli e altre specie aggiungendo attrazioni come: Fontanelle

Inoltre, possiamo anche avere vari tipi di alberi, utilizzare vasi biodegradabili o, in mancanza, il fondo di bottiglie di plastica, l'integrazione di piante kokedama (una palla di muschio che copre le radici che sostituisce il vaso) e mantenere l'erba più a lungo per evitare l'uso eccessivo di tosaerba.

Vantaggi dei giardini ecologici

Un giardino ecologico controlla automaticamente i parassiti degli insetti, rompendo l'abitudine di sterminare tutti i tipi di esseri viventi che incontriamo. Alcuni, come le api o i millepiedi, si nutrono di parassiti minori, che hanno un impatto negativo sulle piante, quindi lasciandole vivere rispettiamo il micro habitat del nostro giardino. Nel caso di essere costretti ad agire contro un certo parassita, gli insetticidi possono essere fatti a base di aglio o pomodoro che non usano alcun composto chimico. Un giardino ecologico si pone, quindi, come uno spazio più naturale. Altri vantaggi dei giardini ecologici sono l'uso di fonti di acqua e luce, il non sterminio degli insetti e l'alimentazione naturale del substrato. Combattono anche il riscaldamento globale e gli effetti che comporta, oltre a promuovere il commercio locale.

Saverio Bianchi

Fan e appassionato di giardinaggio e fiori in generale!

Go up