Parti del fiore e le loro funzioni

4 settimane ago · Updated 3 settimane ago

Le parti di un fiore sono i sepali, la corolla, l'androceo, il gineceo, i carpelli, il peduncolo e il ricettacolo. Le parti dei fiori sono divise in quelle che hanno una funzione riproduttiva e quelle che non lo fanno. L'androceo è la parte maschile e il gineceo la parte femminile del fiore. Le piante spermatofite o fanerogame sono quelle che producono semi e hanno nei fiori la parte della pianta che ospita le strutture riproduttive. Così, i gameti maschili e femminili si sviluppano nei fiori, è il sito in cui avviene la fecondazione e vengono prodotti i semi. Inoltre, hanno strutture per la loro protezione e germinazione. Vuoi imparare cosa sono e quale ruolo gioca ciascuna delle parti del fiore? Quindi, rimanere in questo riassunto di EcologíaVerde in cui esaminiamo quali sono le parti del fiore e le loro funzioni. Vedremo anche diagrammi dei fiori con i nomi delle loro parti indicate.

Indice
  1. Cos'è un fiore
  2. Quali sono le parti del fiore
  3. Funzioni delle parti del fiore
  4. Tipi di fiori di piante angiosperme
    1. Fiori completi
    2. Fiori incompleti
    3. Monocotiledone
    4. Dicotilodoni

Cos'è un fiore

La definizione di un fiore è che è uno stelo di crescita limitata che sviluppa foglie modificate legate alla funzione riproduttiva alla sua estremità. Queste strutture sono chiamate antofili (sono i petali e i sepali) e hanno parti diverse, ognuna specializzata in una o più funzioni, come la formazione di gameti, la dispersione di frutti e semi, l'impollinazione e altre strutture protettive. In questo altro articolo di EcologíaVerde parliamo del perché i fiori sono importanti in natura.

Quali sono le parti del fiore

Quando si parla della struttura di un fiore, in modo generale, le parti di un fiore possono essere divise principalmente in due: quelle che hanno una funzione riproduttiva e quelle che non lo fanno. La parte del fiore senza funzione riproduttiva è detta perianzio ed è formata dal calice costituito dalle seguenti sono strutture sterili: I sepali.

La corolla, formata dai petali. Le parti del fiore con funzione riproduttiva sono: L'androceo: formato dagli stami con i loro grani di polline (organi riproduttivi maschili).

Il gineceo: formato da pistilli con i loro carpelli (organi riproduttivi femminili).

I carpelli sono divisi in ovario, stile e stigma. Qui puoi conoscere la riproduzione delle piante e qui sotto puoi vedere uno schema di un fiore e delle sue parti.

Funzioni delle parti del fiore

Peduncolo: È l'angolo che contiene il fiore. Non fa parte dei pezzi floreali.

è l'angolo che contiene il fiore. Non fa parte dei pezzi floreali. Ricettacolo o talamo floreale: allargamento del peduncolo dove sono inseriti gli antofilli o pezzi floreali. Non fa parte dei pezzi floreali.

allargamento del peduncolo dove sono inseriti gli antofilli o pezzi floreali. Non fa parte dei pezzi floreali. Calice: parte del fiore costituita da strutture fogliari, solitamente verdi e chiamate sepali. La funzione del calice è quella di proteggere il bocciolo floreale.

parte del fiore costituito da strutture simili a foglie, di solito verdi e chiamate sepali. La funzione del calice è quella di proteggere il bocciolo floreale. Corolla: parte del fiore formata da strutture simili a foglie, solitamente colorate e chiamate petali. I petali si formano dopo i sepali e le loro funzioni sono impollinatori, usando le loro forme e colori sorprendenti come affermazione degli impollinatori. Scopri di più qui su quali sono i petali di un fiore e la loro funzione e quali sono gli insetti impollinatori e la loro importanza.

parte del fiore formata da strutture simili a foglie, di solito colorate e chiamate petali. I petali si formano dopo i sepali e le loro funzioni sono impollinatori, usando le loro forme e colori sorprendenti come affermazione degli impollinatori. Scopri di più qui su quali sono i petali di un fiore e la loro funzione e quali sono gli insetti impollinatori e la loro importanza. Androceo: È la parte del fiore che ha gli organi riproduttivi maschili: gli stami. Nella parte maschile del fiore, ogni stame è costituito da un filamento alla fine del quale si allarga a formare l'antera, dove vengono prodotti i gameti maschili o grani di polline, noti anche come microgametofiti. In questo link vedrai maggiori informazioni su Androceo: cos'è, parti e funzione.

è la parte del fiore che ha gli organi riproduttivi maschili-gli stami. Nel, ogni stame è costituito da un filamento alla fine del quale si allarga a formare l'antera, dove vengono prodotti i gameti maschili o grani di polline, noti anche come microgametofiti. In questo link vedrai maggiori informazioni su Androceo: cos'è, parti e funzione. Gineceo: È la parte del fiore che ha gli organi riproduttivi femminili. Questa parte femminile del fiore è formata dal pistillo che a sua volta è formato dai carpelli. Un carpello è diviso in tre parti. L'ovaio, che è la parte ingrandita in cui si trova l'uovo. Lo stile, un'area allungata tra l'ovario e lo stigma. E infine, lo stigma, che è la parte finale dello stile ed è una struttura appiccicosa, poiché la sua funzione è quella di catturare i grani di polline. In questo altro post puoi saperne di più sul Gineceo: cos'è, parti e funzione. Potresti anche essere interessato a questo articolo sulle piante da fiore: cosa sono, caratteristiche ed esempi.

Tipi di fiori di piante angiosperme

I fiori delle piante angiosperme, che sono i fiori tipici, possono essere classificati in base a diversi punti di vista. Se classifichiamo i fiori delle piante angiosperme in base alla loro parte riproduttiva, differenziamo le specie con fiori maschili (solo stami), fiori femminili (solo pistilli) e fiori ermafroditi (entrambi i tipi di organi riproduttivi). Se li classifichiamo in base alla presenza di tutte le strutture floreali (sepali, petali, stami e pistilli) li dividiamo in:

Fiori completi

Fiori costituiti dai quattro elementi di un fiore tipico. Un esempio è la rosa. Corrisponderebbero a quei fiori che sono ermafroditi. Scopri in questo articolo le parti di una rosa: nomi e funzioni.

Fiori incompleti

Non sono costituiti dai quattro elementi. Un esempio è la begonia, che consiste di stami o pistilli, ma non entrambi. Corrisponderebbero a quei fiori che hanno un solo sesso. Un altro modo per classificarli è in base al numero di cotiledoni in cui si sviluppa il seme. Quindi abbiamo:

Monocotiledone

Il fiore si sviluppa su un singolo cotiledone fornito dal seme. Le sue foglie hanno solo una vena parallela. Ad esempio, abbiamo gigli, orchidee, tulipani, zafferano, narciso o tinkerbell. Scopri di più su questo tipo di piante con questo altro post sulle piante monocotiledoni: cosa sono ed esempi.

Dicotilodoni

Il fiore si sviluppa su due soli cotiledoni forniti dal seme. Le sue vene iniziano nella parte inferiore e si diramano verso la superficie. Ad esempio, abbiamo rose, margherite, nasturzi, begonie e portulache. Per saperne di più, in questo altro post puoi scoprire 50 tipi di fiori. Ora che conosci le parti di un fiore e le sue funzioni, ti consigliamo di leggere questo altro articolo di EcologíaVerde sulle parti di una pianta e le sue funzioni e guarda il video di questo interessante argomento qui sotto.

Saverio Bianchi

Fan e appassionato di giardinaggio e fiori in generale!

Go up