Cura della dimorphothek

4 settimane ago

Le dimorphothecae sono un intero genere di piante con più di 20 specie accettate, molto apprezzate per i loro fiori, molto suggestivi e ornamentali, che sono simili a quelli delle margherite, ma notevolmente più vistosi. Si tratta di piante molto rustiche e resistenti, anche se per averle forti e in buone condizioni è conveniente sapere quali sono le loro esigenze. Se vuoi imparare a prenderti cura di una dimorphotheca, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde dove troverai una guida completa e pratica sulla cura della dimorphotheca.

Indice
  1. Caratteristiche della dimorphotheca
  2. Posizione e luce della dimorphothek
  3. Irrigazione per la dimorphotheca
  4. Substrato e fertilizzante della dimorfoteca
  5. Potatura per la dimorphotheca
  6. Riproduzione della dimorfothek
    1. Riprodurre la dimorphotheca da semi
    2. Riproduzione della dimorphotheca per talea

Caratteristiche della dimorphotheca

Queste sono le caratteristiche principali dei dimorfothecaries: di solito sono chiamati margherita africana, calendula del capo o margherita del capo.

. Sono piante che raggiungono un'altezza varia da soli 20 cm a quasi un metro.

Hanno origine in Sud Africa e sono specie che fioriscono annualmente, essendo la Dimorphotheca ecklonis una delle più rappresentative e comuni.

Come abbiamo accennato, si tratta di piante di grande rusticità e resistenza, quindi la loro coltivazione è molto adatta anche a principianti o dilettanti senza troppa esperienza.

Posizione e luce della dimorphothek

Questo è uno dei punti più importanti quando si tratta di prendersi cura di queste piante, e cioè che hanno bisogno di grandi quantità di luce. Infatti, l'ideale è metterli in pieno sole, poiché nel loro ambiente originario della parte meridionale dell'Africa si sviluppano in ambienti soleggiati e caldi. La dimorphotheca può anche essere sviluppata in semi-ombra o anche al chiuso se cerchiamo una posizione abbastanza luminosa, ma in generale, più luce riceve più e meglio crescerà. Va tenuto presente che è una pianta ad alta crescita, quindi ha una capacità di espansione da prendere in considerazione e la cosa usuale è controllare la sua crescita in modo che non colonizzi l'intera terra. Un altro punto da tenere a mente è che la pianta è debole ai trapianti e ai cambiamenti improvvisi. Ciò significa che se abbiamo appena acquisito una pianta o una piantina da un luogo in cui l'avevano coperta, esponendola improvvisamente al pieno sole probabilmente la danneggerà. In questi casi è meglio proteggerlo con un'esposizione graduale per alcuni giorni prima di lasciarlo in pieno sole.

Irrigazione per la dimorphotheca

L'acqua è l'altro grande punto importante nella cura di questa pianta, anche se non perché ha bisogno di molta irrigazione, ma piuttosto il contrario. Nonostante il suo aspetto verde e fresco, la pianta è originaria di ambienti secchi, quindi non richiede molta irrigazione e infatti non tollera affatto bene gli eccessi a questo punto. È sempre necessario innaffiare senza impregnarsi d'acqua e, se possibile, senza bagnare i fiori o le foglie della pianta, direttamente sul terreno. Per non esagerare, è meglio aspettare che lo strato superiore del terreno sia completamente asciutto prima di annaffiare. Qui puoi saperne di più su quando innaffiare le piante.

Substrato e fertilizzante della dimorfoteca

La dimorphotheca ha una grande capacità di adattamento e riesce a svilupparsi e crescere in tutti i tipi di terreni. Tuttavia, se stai cercando che la tua pianta cresca grande e dia molti fiori, un terreno fertile lo aiuterà molto. Utilizzare un substrato molto sciolto, che offre un'elevata capacità di drenaggio. È possibile preparare una miscela molto buona con una parte di torba, una parte di fibra di cocco e un'altra parte di humus di vermi, a cui è possibile aggiungere una manciata di vermiculite e perlite. Ciò si traduce in un terreno leggero e drenato che è molto ricco di sostanze nutritive e microrganismi benefici. Se si pianta all'aperto, aggiungere sabbia grossolana al terreno e una buona scorta di humus o compost per migliorare le sue proprietà. Per quanto riguarda la concimazione, aggiungere un contributo di compost o humus al terreno della pianta nelle sue stagioni di crescita, o qualche fertilizzante per piante da fiore. Qui ti mostriamo come fare il compost fatto in casa in modo che tu possa usarlo nei tuoi dimorphothecaries e in altre piante che hanno bisogno di questo contributo.

Potatura per la dimorphotheca

La potatura della dimorfoteca è prevalentemente di manutenzione e consiste nella potatura bassa dei fusti dei fiori che si sono appassiti, al fine di stimolarne la crescita e una maggiore fioritura. Quando la fioritura è finita, taglia anche le foglie in modo che quando passa la stagione secca ricresca più tardi. Se si desidera rafforzare i gambi, pizzicare i gambi più alti con la punta delle dita.

Riproduzione della dimorfothek

Queste piante possono essere riprodotte sia per talea che per seme, l'uno o l'altro metodo è preferibile in base alla specie specifica.

Riprodurre la dimorphotheca da semi

Se vogliamo riprodurla da semi, l'ideale è piantare i semi di dimorphotheca tra l'autunno e l'inizio dell'inverno, quest'ultimo soprattutto in luoghi con inverni miti. È anche possibile seminare in primavera. Spargere i semi sul terreno dopo averlo rilasciato e arricchito con humus o compost, oltre ad averlo inumidito. Dopo averli spalmati superficialmente, in una zona soleggiata, aggiungere un sottile strato di sabbia o terreno. Circa due o tre settimane dopo la germinazione, le piantine saranno pronte per essere trapiantate se necessario.

Riproduzione della dimorphotheca per talea

Le talee di Dimorphotheca, invece, sono preferibilmente tagliate e piantate in estate. Prendi uno stelo lungo circa 15 cm, dal quale devi rimuovere tutte le foglie. Pianta in un piccolo contenitore con substrato come spiegato sopra. È importante tenerlo sempre inumidito mentre la pianta attecchisce, oltre ad averlo in semi-ombra. Più tardi, quando la dimorfoteca ha messo radici ed è diventata forte, saremo in grado di trapiantarla nella sua posizione finale, anche se con molta attenzione, perché è un processo delicato per loro.

Saverio Bianchi

Fan e appassionato di giardinaggio e fiori in generale!

Go up